Trasporti Serbia: Operazione Elementare? Non proprio

Per spedizioni verso un altro paese è meglio conoscere le regole del trasporto internazionale per evitare problemi.

Quando si visita un paese straniero ci sono molte cose che è meglio sapere prima di partire.

Quale sia la valuta corrente, quali siano i posti migliori da visitare, le usanze, la cucina etc.

Non basta un’infarinatura da “interrogazione di geografia”. Prendiamo come esempio la Serbia: confina con l’Ungheria, la Romania, la Bulgaria, la Macedonia, l’Albania, con il Montenegro, la Bosnia ed Erzegovina e la Croazia. La capitale è Belgrado, che fino al 1990 era anche la capitale dell’ex Jugoslavia.

Trasporti Serbia

Trasporti Serbia

Se non hai tempo adesso di leggere l’articolo, ecco il link che ti risolve il problema:

 

È un paese membro delle Nazioni Unite, del Consiglio d’Europa е dell’Organizzazione della cooperazione economica del mar Nero.

I cittadini della Serbia dal 2009 possono viaggiare senza obbligo di visto nei Paesi dell’Unione europea.

Basta sapere queste cose?
Forse se si è un semplice turista sì, ma se bisogna recarsi in questo paese per dei trasporti o delle consegne? Allora forse non è sufficiente.

Ad alcuni trasportatori può essere capitato di vedersi bloccare all’entrata nel paese. Non perché non abbiano studiato a sufficienza.

Allora perché succede questo e cosa comporta?

Probabilmente è successo perché non conoscevano tutto quello che bisogna sapere prima di effettuare spedizioni di Pallets, Colli, Pedane, Bancali, Contenitori, Cassoni, Cartoni, Pacchi o di effettuare un import dalla Serbia.


Pertanto le conseguenze sono state:

  •  mancati scarichi dovuti al blocco dei mezzi in frontiera
  •  lunghe attese dovute ai controlli doganali
  • mezzi costretti a scaricare in un magazzino doganale in attesa che la burocrazia venga espletata
  • perdita di una commessa, di un lavoro o di un cliente importante

Il tutto con un impiego di denaro davvero troppo dispendioso e controproducente.

Per evitare sorprese quando si vuole spedire merci in Serbia, bisogna assolutamente sapere che non tutti i trasportatori possono farlo.
Perché?
Per ragioni legali, burocratiche, questioni doganali e permessi di transito internazionali, solo trasportatori Serbi o Italiani possono essere utilizzati.

Se poi consideriamo il fattore più importante e cioè i costi di trasporto, allora i trasportatori di nazionalità Serba hanno la meglio.

Come superare l’esame Serbia?
Una soluzione è imparare a conoscere e selezionare i migliori trasportatori Serbi e in modo particolare quelli delle zone più strategiche come Kragujevac, Belgrado, Novi Sad, Nis, e Subotica.

Un altro consiglio è quello di avere una profonda conoscenza del servizio doganale.

Puoi contare su un compagno che ha studiato per te.
Se non hai tempo o risorse per cercare trasportatori serbi ( sempre che si fidino di chi li contatta spot o diano lo stesso servizio come ai partner fidelizzati ) valutare le loro tariffe o cercare di capire come ridurre i disagi dovuti ai controlli doganali, devi sapere che qualcuno lo ha già fatto per te. SI Express infatti vanta una lunga esperienza a riguardo (leggi report completo).

Affidarsi a un partner esperto come SI Express è la soluzione giusta per essere promossi e iniziare a spedire verso questo paese perché:

  •  spedisce da anni verso la Serbia
  •  ha un database di trasportatori serbi tra i migliori per affidabilità e tariffe
  •  conosce le zone strategiche migliori
  • i professionisti del trasporto serbi conoscono SI Express e la considerano affidabile per qualità del lavoro e regolarità dei pagamenti
  • SI Express vanta la certificazione AEO (operatore economico autorizzato). Questo riconoscimento è rilasciato dall’ufficio delle dogane e consente una riduzione fino al 90% delle visite doganali alla merce in transito.

Se devi spedire in Serbia non rischiare. SI Express ti accompagnerà per mano e ti darà tutta la consulenza necessaria per affrontare un trasporto DA e PER la Serbia

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *