Padroncino a Chiamata Spot: Trasportatore o Supereroe?

Stufo di lavorare solo su missioni impossibili per le quali nessun altro vuol partire?

C’è un famoso eroe dei fumetti che viene chiamato dai suoi concittadini attraverso un segnale luminoso che brilla nella notte.
Indossa un abito scuro, è un milionario palestrato e guida costose auto sportive.

Diciamo che non somiglia moltissimo al trasportatore medio, eppure sia chi sceglie di fare questo difficile lavoro che il paladino mascherato hanno una cosa in comune:
lavorano “a chiamata” e devono farsi trovare continuamente pronti per poter gestire una serie di emergenze inaspettate.

Padroncino a chiamata spot - trasportatori o supereroi -Il padroncino di solito ha scelto di fare questo lavoro perché ha intravisto una prospettiva finanziariamente allettante e perché, oltre a possedere un mezzo proprio (furgone boxato o centinato), ha spirito di iniziativa e si considera adatto a un lavoro che comporta spesso viaggi e spostamenti.

Ben presto, però, scopre che la sua carriera sarà fatta anche di “missioni impossibili”.

Si troverà a essere svegliato da una telefonata nel cuore della notte mentre si trova in vacanza con la famiglia, dovrà combattere con cattivi pagatori, dovrà compiere miracoli logistici.
Insomma, più che fare consegne, la sua vita inizierà a somigliare a quella dell’uomo pipistrello.

Ma vediamo quali sono le principali differenze tra un professionista e un eroe:

  • L’eroe in questione è già milionario e non ha bisogno di lavorare. Il trasportatore invece deve guadagnare, quindi ha bisogno di continuità, di pagamenti regolari e non di clienti che lo pagano solo quando si ricordano, perché lui non lo fa per la gloria.
  • L’eroe è forzuto, il padroncino ha bisogno di riposare e non può essere perennemente sotto stress, deve dormire e non essere chiamato di notte per poi essere rimandato a casa senza lavorare perdendo così soldi e tempo.
  • L’eroe dispone di potenti mezzi e di aiutanti simili a lui. Il trasportatore deve fare i conti con la manutenzione del proprio mezzo e, troppe volte, non può contare sull’aiuto di nessuno.

Se hai scelto questo tipo di lavoro senza avere una vocazione da eroe e non vuoi trasformare il tuo lavoro in una serie di missioni isolate (e difficili), devi poter contare su un alleato.
E chi altri può essere se non l’azienda che ti affida i trasporti?
E’ soltanto il personale operativo di quest’azienda che può gestire al meglio i viaggi del padroncino dandogli continuità di lavoro e al tempo stesso alternando viaggi “facili” alle missioni più critiche.

Il giusto alleato deve essere un’azienda strutturata e solida finanziariamente (leggi qui il report completo su SI Express). Un vero e proprio “quartier generale” dotato delle funzioni indispensabili:

  • operativa (ti affida lavoro con continuità e intelligenza, ti fornisce tutte le informazioni necessarie, è sempre in stretto contatto con te e ti supporta durante i tuoi viaggi)
  • amministrativa (ti permette di incassare a 30 giorni esatti, fatturando due 2 volte al mese e riduce al minimo o elimina il lavoro burocratico tipico del padroncino)
  • commerciale (in grado di acquisire grandi clienti le cui spedizioni vanno a riempire la tua agenda dei viaggi)

Scegli la continuità ed elimina lo stress dal tuo lavoro, pensiamo noi alle emergenze mentre tu pensi a guidare, senza bisogno di preoccupazioni.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *