Ritorni FTL: Come Trovare le Salite da Sud a Nord Italia – parte 1

(solo per Trasportatori con Bilici Centinati)

Ormai lo sanno tutti, è inutile girarci intorno: nei trasporti nazionali a carico completo, mancano le salite.

salita

salire da giù

Ovviamente per salite si intendono i carichi per bilico dal centro e soprattutto dal sud Italia per il nord (es: area Torino, Milano, Verona, Bologna ecc.).

D’accordo per i mezzi refrigerati qualcosa c’è,
almeno in certi periodi dell’anno, ma per chi ha bilici centinati e carica merci pallettizzate è veramente dura.

Se vai su internet trovi di tutto in tema di logistica e trasporti:

– divieti di circolazione
– costi minimi
– situazione della viabilità
– condizioni meteo
– ecc. ecc.

Tutte notizie interessanti per chi fa il trasportatore,
ma del tutto inutili se non si trova merce da caricare sui camion.

Se invece vuoi informazioni o cerchi soluzioni pratiche sull’argomento
salite verso il nord Italia … nisba, niente, zero.

Improvvisamente questa fonte inesauribile che è internet non riesce
a trovarti nessun risultato utile.
Come se il problema non ci fosse quando invece è esattamente il contrario.

Perché?

Il motivo per cui non si trova nessuna informazione a riguardo
è che la soluzione non c’è proprio (o nessuno la conosce).

Ciò è confermato dal fatto che anche sulle borse carico a pagamento si trova poco o nulla nonostante le eventuali soluzioni siano solo per (malpagati) carichi spot e non certo per carichi ripetitivi nel tempo.

Si potrebbe pensare che la responsabilità è del trasportatore che conosce un numero limitato di aziende caricatrici, ma non è così.
La realtà è che la domanda generale di carichi a salire
è molto più bassa rispetto dell’offerta di camion fermi e disponibili.

 

Prima (brutta) conseguenza

Molti trasportatori del sud combattono tra di loro una guerra al ribasso dei prezzi per i pochi carichi disponibili facendo la felicità delle aziende caricatrici.

 

Seconda conseguenza (brutta anche questa)

I costi nei periodi d’inattività lievitano:

– autisti che paghi anche se non guidano
– macchine ferme mentre il leasing cammina
– personale operativo impegnato a cercare carichi
– costi delle borse carico
– ecc. ecc.

 

Terza conseguenza (indovina un po’… brutta anche questa)

Chi ha preso impegni per carichi dal Nord verso il Sud è costretto
per mantenerli a fare centinaia di km a vuoto (es in Lazio o Toscana)
e poi accettare poche centinaia di euro per portarsi al Nord.

Solo a questo punto si può caricare per rientrare a casa con una
tariffa che si spera superiore ai costi minimi.

 

Questa la situazione ahimè!

Finora ci siamo limitati a descrivere lo stato dei fatti, ma nella seconda parte di questo articolo scopriremo che per i trasportatori più svegli e pronti a cambiare qualcosa nelle loro abitudini c’è una soluzione interessante all’orizzonte……. leggi la parte 2 di questo articolo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *